Blog

Home Blog

Contraccettivi 2.0: prima app mobile certificata come metodo anticoncezionale

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha approvato la commercializzazione della prima app certificata per la contraccezione della mHealth, la pratica della sanità pubblica supportata da dispositivi mobili. L'applicazione, chiamata Natural Cycles, consente alle donne di evitare la gravidanza con un metodo noto come “consapevolezza della fertilità”.

Natural Cycles funziona tramite un algoritmo in grado di calcolare in quali giorni del mese è probabile che una donna sia fertile in base a una combinazione di monitoraggio del ciclo mestruale e di un input legato alla temperatura corporea. I termometri a corpo basale sono in grado di rilevare lievi aumenti della temperatura di circa mezzo grado Fahrenheit nel periodo dell'ovulazione, che indicano alla donna di essere al massimo della fertilità (in genere tra 4 e 5 giorni al mese).

"I consumatori utilizzano sempre più le tecnologie digitali per essere informati sulla loro salute e questa nuova app può fornire un metodo efficace di contraccezione se viene utilizzata con attenzione e correttamente", ha affermato il Dr. Terri Cornelison, del Centro per i Dispositivi e la Salute Radiologica della FDA. "Le donne dovrebbero però sapere che nessuna forma di contraccezione funziona perfettamente, quindi una gravidanza non pianificata potrebbe comunque derivare da un uso corretto di questo dispositivo."

L'approvazione commerciale si basa su studi clinici che hanno coinvolto oltre 15.000 donne. È stato riscontrato un tasso di errore dell'1,8%, il che significa che meno di 2 donne su 100 donne che usano l'app per un anno resteranno incinte perché hanno avuto rapporti sessuali in una data indicata dall’app come “giornata non fertile”, o perché metodi contraccettivi supplementari non sono stati efficaci durante il rapporto sessuale in una "giornata fertile".

Secondo lo studio, Natural Cycles risulta avere un tasso di fallimento "tipico" del 6,5%, legato al fatto che le donne a volte non usavano correttamente l'app, ad esempio avendo rapporti sessuali non protetti nei giorni fertili.

La FDA ha avvertito che Natural Cycles non dovrebbe essere usata da donne che presentano una condizione medica per cui un’eventuale gravidanza sarebbe associata a un rischio significativo per la madre o per il feto, o da quelle che attualmente ricorrono a trattamenti ormonali che inibiscono l'ovulazione. Inoltre, naturalmente, l’applicazione non fornisce protezione contro le malattie sessualmente trasmissibili.

Continua a Leggere