Blog

Home Blog

Pressione sanguigna: la consulenza virtuale aiuta a tenerla sotto controllo

L'American Heart Association (AHA) stima che oltre 100 milioni di persone negli Stati Uniti convivono con ipertensione o pressione alta. Soprannominato il killer silenzioso a causa della sua natura asintomatica, l'ipertensione arteriosa danneggia nel tempo i vasi sanguigni.

Ciò può portare a una serie di condizioni gravi, tra cui insufficienza renale, insufficienza cardiaca, infarto o ictus. Esistono fortunatamente vari comportamenti e misure di intervento che una persona può adottare per abbassare la pressione sanguigna, come mangiare in modo ragionevole, bere alcol con moderazione, gestire lo stress e assumere farmaci specifici.

Un nuovo studio, condotto da Robert Nolan, direttore della sanità elettronica cardiaca presso il Peter Munk Cardiac Centre dell'Università di Toronto del Canada, dimostra che l'aggiunta di una consulenza virtuale (e-counseling) alla consueta terapia medica riduce la pressione sanguigna e il rischio di sviluppare problemi cardiovascolari nei 10 anni a seguire.

In che modo l'e-counseling influisce sull'ipertensione? Lo studio di Nolan e del suo team per indagare l'efficacia della consulenza elettronica, hanno preso in esame 264 pazienti (uomini e donne) che soffrivano di ipertensione, dividendoli in 2 gruppi: il primo ha ricevuto e-mail regolari con collegamenti a esercitazioni online e strumenti interattivi che mostrano ai partecipanti come migliorare la loro salute cardiovascolare e motivarli a farlo. L'altro gruppo ha ricevuto solo e-mail generiche con informazioni sulla gestione della pressione arteriosa.

Un anno dopo, i ricercatori hanno misurato la pressione sanguigna dei partecipanti e hanno scoperto che quelli che facevano parte del gruppo che ha ricevuto gli strumenti interattivi mostravano una diminuzione media di 10 punti nella loro pressione sistolica, cioè da 141 a circa 130.

La pressione sanguigna sistolica è il primo fattore che influisce sulla pressione sanguigna e l'ipertensione si verifica quando questo numero è pari o superiore a 130. In confronto, il gruppo che ha ricevuto solo e-mail generiche ha visto solo un calo di 6 punti.

I ricercatori ritengono questa riduzione sia significativa e citano uno studio precedente che ha rilevato che una diminuzione di 10 punti della pressione sistolica può ridurre del 13% il rischio di mortalità. Nolan commenta i risultati dello studio, affermando: "Il counseling basato sullo stile di vita dell’utente su Internet funziona davvero in modo efficace quando è organizzato clinicamente e integra la terapia medica".

"Abbiamo mirato a un programma automatizzato, ma anche interattivo ", spiega Nolan, e prosegue sottolineando anche l'importanza di coinvolgere attivamente i pazienti per migliorare la loro salute.

“Gli strumenti interattivi aiutano le persone a valutare autonomamente i loro cambiamenti nella pressione sanguigna o nel loro stile di vita. Ciò risulta molto importante in quanto fornisce ai pazienti dei feedback, crea fiducia e li aiuta a sostenere i loro cambiamenti"

Continua a Leggere