Blog

Home Blog

Nuovo nano microscopio offre una nuova visione dettagliata del cervello affetto da Alzheimer

Il morbo di Alzheimer è una malattia che sembra svilupparsi nel corso di molti anni, se non decenni, prima che si manifestino i primi sintomi. Per comprendere meglio la sua evoluzione, i ricercatori si sono impegnati al fine di trovare nuovi modi per monitorare la formazione di placche di amiloide nel cervello, che sono i biomarcatori più conosciuti dell'Alzheimer.

I ricercatori della Purdue University hanno recentemente sviluppato un cosiddetto "nanoscopio" che permette di visualizzare i dettagli a livello molecolare della composizione dei tessuti cerebrali. Gli studiosi hanno recentemente ottimizzato questa tecnologia per effettuare osservazioni in profondità nel cervello. Con questo nuovo apparecchio, i ricercatori dell'Università dell'Indiana sono stati in grado di ottenere immagini tridimensionali delle molecole all'interno del cervello con una risoluzione prima inimmaginabile.

"La nuova tecnologia ci ha permesso di osservare come le placche vengono assemblate e rimodellate durante il processo della malattia", ha detto Gary Landreth, professore dell'Università dell'Indiana che ha lavorato allo studio. "Il nanoscopio fornisce informazioni sulle cause biologiche della malattia, in modo da permetterci di stabilire se è possibile fermare la formazione di queste strutture dannose nel cervello".

Il nanoscopio si basa sull'ottica adattiva e funziona tramite specchi che cambiano costantemente forma per compensare la distorsione della luce introdotta dal tessuto cerebrale. Sintonizzando efficacemente il modo in cui gli specchi si deformano alla velocità della luce, i ricercatori sono stati in grado di osservare le cellule e i loro componenti fino alle singole molecole nel cervello di topi con alti livelli di placche amiloidi.

Qui un video dell'Università Purdue in cui si analizzano le caratteristiche principali della tecnologia in questione: https://www.youtube.com/watch?v=YNmM_gkwNDY

Fonte: MedGadget

Continua a Leggere