Blog

Home Blog

Il digiuno innesca la rigenerazione del sistema immunitario

Una ricerca pubblicata lo scorso 5 Giugno a cura della "Cell Stem Cell" mostra che i cicli di digiuno prolungato non solo proteggono il sistema immunitari dai danni causati dalla chemioterapia, ma possono anche indurre la rigenerazione del sistema immunitario stesso, portando le cellule staminali da uno stato "dormiente" a uno stato di "auto-rinnovamento".

In uno studio sui topi e in uno studio clinico umano di fase 1 su pazienti sottoposti a chemioterapia, è risultato che dopo lunghi periodi di digiuno il numero di globuli bianchi era significativamente diminuito. Nei topi, il digiuno ha cambiato le vie di segnalazione delle cellule staminali ematopoietiche (un gruppo di cellule staminali che generano sangue).

Questo studio ha importanti risvolti per un invecchiamento più sano, dal momento che proprio l'avanzare degli anni comporta un declino del sistema immunitario e contribuisce ad aumentare lavulnerabilità a determinate malattie. I ricercatori hanno quindi delineato  che i cicli di digiuno, da due o addirittura da quattro giorni nel corso di 6 mesi, uccidono le cellule immunitarie più vecchie e danneggiate generandone delle nuove. Questa scoperta sembra avere importanti risvolti soprattutto per i pazienti tolleranti alla chemioterapia o affetti da disordini auto immuni.

Uno degli autori è il Dr. Valter Longo, scienziato italiano tra i maggiori esperti mondiali sul digiuno, che afferma: " Quando si viene privati del cibo, l'organismo tende a risparmiare energia, e un delle soluzioni è quella di riciclare una gran quantità di cellule immunitarie che non sono necessarie, in particolare quelle danneggiate". Continua il Professor Longo: "Ciò che abbiamo notato, sia sul nostro organismo che su quello degli animali, è che il numero di globuli bianchi diminuisce. Quando poi ci si torna ad alimentare, le cellule del sangue ritornano ai loro livelli regolari".

l digiuno prolungato costringe il corpo a ricorrere ai depositi di glucosio, grasso e chetoni, ma anche a scomporre una porzione significativa dei globuli bianchi. Durante ogni ciclo, questo esaurimento di globuli bianchi induce cambiamenti che attivano la rigenerazione delle cellule del sistema immunitario. In particolare, il digiuno prolungato riduce l'enzima PKA, un effetto scoperto in precedenza dal team di Longo per estendere la longevità negli organismi semplici e che è stato collegato in altre ricerche correlate alla regolazione dell'auto-rinnovamento delle cellule staminali e della pluripotenza (il potenziale di una cellula per svilupparsi in diversi tipi di cellule). Il digiuno prolungato ha anche abbassato i livelli di IGF-1,un ormone della crescita che Longo ed altri hanno correlato all'invecchiamento, alla progressione del tumore e al rischio di cancro.

Spiega Longo : "La PKA è il gene chiave che deve essere spento perché queste cellule staminali possano passare alla modalità rigenerativa. Esso fornisce l'Ok alle cellule staminali per andare avanti e iniziare a proliferare e ricostruire l'intero sistema. Se ci si astiene dal nutrimento mentre si ha un sistema immunitario fortemente danneggiato dalla chemioterapia o dall'invecchiamento, i cicli del digiuno possono generare, letteralmente, un sistema immunitario del tutto nuovo".

La co-autrice della ricerca, Tanya Dorff, assistente professore di medicina clinica presso l'USC Norris Comprehensive Cancer Center and Hospital, dichiara: "Mentre la chemioterapia salva vite umane, al contempo provoca anche danni collaterali significativi al sistema immunitario. I risultati di questo studio suggeriscono che il digiuno può mitigare alcuni degli effetti dannosi della chemioterapia. Sono necessari ulteriori studi clinici e qualsiasi intervento dietetico di questo tipo dovrebbe essere intrapreso solo sotto la guida di un medico".

Lo studio è stato sostenuto dal National Institute of Aging del National Institutes of Health. La sperimentazione clinica è stata sostenuta dalla V Foundation e dal National Cancer Institute del National Institutes of Health

Continua a Leggere